Il sagging codice sessuale?? Ma proprio per niente!!!

Vi è mai capitato di vedere nella vostra bacheca di facebook il post in alto a sinistra? 

Beh, a me qualche volta è capitato ma siccome (ho preso da mio padre) prima di affermare qualcosa (quando condividi appunto affermi anche tu) mi vado ad informare perbene, così ho fatto ed ho visto che non c’è alcun riferimento nè prova che questo segnale sessuale sia vero!

E così, incuriosito dall’origine di questa strana tendenza di stile urbano, ho deciso – in pieno stile “Maystick” – non solo di “sputt***re il “burlone” che ha messo in giro questo slogan ma, di contro, approfondire il fenomeno in questione, che è definito: Sagging

 

Il termine “sagging” significa “calanti” ed indica la pratica di indossare i pantaloni ( baggy, permuda o jeans) al di sotto della linea della cintura e con quest’ultima allacciata larga solo quanto basta per non farli cadere del tutto. Questa pratica nasce e si diffonde intorno agli anni novanta sia negli Stati Uniti sia in Inghilterra, e successivamente in Europa e probabilmente trae origine da una serie di “street styles”.

ecco un esempio di zoo suite

Un ricostruzione che reputo molto interessante e plausibile è fatta dal sito Each Time a Man di Alessandro Benetton in cui viene ricostruita l’ipotetica origine del sagging. Siamo negli Stati Uniti, intorno agli anni 30-40. Nelle sub-culture ed etnie afroamericane e latine nasce la moda del c.d. zoo suit

 

ossia l’abitudine di indossare giacche”oversize” e pantaloni molto larghi a vita molto alta. Questo stile non era dovuto ad una questione di vanità quanto ad una questione si necessità. Le sub-etnie più disagiate (oltretutto vittime dell’apartheid…) non potevano permettersi il sarto e così andavano ad acquistare dei vestiti o completi di vestiti usati nei negozi dell’usato. Una volta portati a casa li facevano sistemare e rattoppare dalle nonne o dalle madri. Anni dopo, molto probabilmente la tendenza a portare giacche e pantaloni larghi sono state re-introdotte dalle culture e sub-culture rap ed hip-hop. In questo caso però  i pantaloni non sono a vita alta ma bassissima così da lasciare scoperta una buona parte del boxer. Il “grado di sagging” e, di contro, il grado e la qualità di boxer che si voleva far mostrare fa a sua volta parte di varie sub-culture dei generi suddetti. Probabilmente è un segno distintivo della propria gang di appartenenza all’interno dei ghetti criminali, oppure una qualche (bizzarra) dimostrazione di virilità o magari solo una tendenza nata da una necessità.

Il sito Rivelazioni riporta ad esempio il fatto che, siccome nelle carceri il fenomeno del sagging era purtroppo frequente, sia perché se il direttivo del carcere ti sbagliava una taglia: “questo passa il convento e questo ti tieni!” sia perché la cintura era proibita in quanto considerata arma contro altri o se stessi, coloro che stavano fuori dalle carceri e facevano 

parte della stessa etnia di appartenenza dei detenuti (amici, parenti, magari già a loro volta detenuti) decidevano di portare i pantaloni calanti come una sorta di dimostrazione di vicinanza. Mi sembra una teoria già più remota ma plausibile… magari si potrebbe pensare che i detenuti stessi, uscendo dal carcere, avessero ed abbiano l’abitudine a voler mantenere il sagging per un fatto di comodità o di azione meccanica. Chissà! Potrebbe anche essere per questo! 

Ripeto sto cercando notizie dal web e ci sono varie ipotesi ed io li sto raccogliendo tutte nel mio piccolo! 🙂

Secondo quanto riporta Mondo Rap la pratica del sagging sarebbe anche una consuetudine dei quartieri più poveri. Infatti un pezzo dell’articolo cita:

l’altro fattore documentabile che può essere individuato come precursore di questa moda sta nell’abitudine tipica dei bambini dei ghetti americani di indossare gli abiti dei fratelli maggiori.

Di tutto quello che è circolato nel web e sui social, un solo dato sembra essere reale e soprattutto – cosa più importante – documentabile! Ed è il fatto che effettivamente questa pratica è frequente nelle carceri soprattutto americane poichè la cintura è stata vietata per evitare che i detenuti potessero usarla come arma per uccidere altri o se stessi. Se esso si sia evoluto anche come “segnale sessuale in codice” .. non lo sappiamo e per quanto mi riguarda non ne ho trovato alcuna conferma o smentita sul web!

Quindi cari maystini, diffidiamo di questi inutili, pericolosi,contro-produttivi e strumentali slogan per discriminare determinate categorie di persone od etnie.. prima di condividere un post documentiamoci se esso è corroborato da dati certi o è sostenuto da un inutile e disperatamente arrogante castello di fumo che dal di fuori sembra oro!

 

Non c’entra con il sagging ma mi ha molto colpito questa foto .. ed insegna oltretutto ad avete rispetto per ciò che si dice! …

 

E voi che ne pensate del sagging maystini?? Siete tra coloro che lo seguono, che non lo seguono o che hanno a che ridire (o ridere)? Fatemelo sapere nei commenti e sui social! Un abbraccio!! ^^

 

 

 

Facebooktwittergoogle_pluspinterest